Vinciullo, inaugurazione svincolo, una pupiata

Siracusa, 20 maggio 2019: Con grande clamore mediatico, oggi verrà inaugurata la politica dei sottofondi e dei sottopassi, infatti, verrà consegnato un sottopasso, peraltro ancora non ultimato, come si evince dalle foto allegate, nello svincolo Maremonti, alla presenza di autorità e cittadini.
Come è noto, a tutti, lo svincolo è aperto ormai dal 29 luglio 2015, percorso giorno e notte da centinaia di automobilisti, ma non riuscendo a realizzare nulla, i rappresentanti del Governo regionale trovano il tempo e lo spazio per inaugurare, a sei giorni dalle elezioni, un sottofondo di un sottopasso: possiamo ben dire di essere caduti in basso!!! Lo dichiara Vincenzo Vinciullo, Presidente emerito della Commissione ‘Bilancio e Programmazione’ all’ARS
Vorrei ricordare che durante i lavori di realizzazione dello svincolo, a causa di una lite insorta con un privato, non fu possibile realizzare del tutto le mura di contenimento e il sottofondo del sottopasso. Oggi consegnano proprio queste mura e il sottofondo del sottopasso.
I lavori, già finanziati prima dell’insediamento dell’attuale Governo regionale, sono consegnati, ripeto, a sei giorni dal voto per le Europee, senza paura di sfidare il ridicolo, cercando di fare passare la notizia che viene inaugurato uno svincolo autostradale.
Se oggi non venisse sperperato denaro pubblico, ha proseguito Vinciullo, potremmo solo ridere, ma, dal momento che si spendono le tasse dei cittadini, siamo autorizzati ad essere “incazzati”!
E’ chiaro che, continuando così, si delegittima totalmente la politica e i cittadini si convincono sempre di più di essere presi in giro.
Siamo ormai passati, in provincia di Siracusa, dall’inaugurazione delle autostrade a quella dei sottofondi dei sottopassi.
Vergogna, ha concluso Vinciullo, un po’ di rossore, in questo caso, non farebbe male!
In allegato le foto di quando è stato aperto lo svincolo Maremonti e le foto del sottopasso.

Autore dell'articolo: ma1tv

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *